Signore e Signori buongiorno!

Oggi saremo in due a scrivere questa recensione! Sì, perché il romanzo di cui vi parliamo merita il doppio dell’attenzione!

Se ci seguite su Snapchat sapete già quanto andiamo pazze per Cassandra Clare e il mondo che ha creato.

Con Signora della mezzanotte quest’autrice ci fa tornare nel mondo degli Shadowhunters e ci racconta la storia di due nuovi protagonisti: Emma e Julian.

La trama: 

Los Angeles 2012. Sono passati cinque anni da quando Emma Carstairs ha perso i genitori, barbaramente assassinati. Dopo il sangue e la violenza a cui ha assistito da bambina, la ragazza ha dedicato la sua vita alla lotta contro i demoni ed è diventata la Shadowhunter più talentuosa della sua generazione. Non ha però mai smesso di cercare coloro che hanno distrutto la sua famiglia e, quando si rende conto che l’unico modo per arrivare ai colpevoli è quello di allearsi con le fate, da anni in lotta con gli Shadowhunters, non si tira indietro. È una partita molto pericolosa, ma Emma, insieme a Julian, suo migliore amico e parabatai, ha tutte le intenzioni di giocarla fino in fondo. Non solo la ragazza potrebbe finalmente vendicarsi, ma per Julian si apre la possibilità di riabbracciare il fratello Mark, che anni prima era stato costretto a unirsi al Popolo Fatato. Inizia così una corsa contro il tempo, un’indagine ricca di colpi di scena, dove i bluff e i doppi giochi non mancano e i sentimenti più profondi sono messi a dura prova. Compreso quello che lega Emma e Julian, forse di natura diversa rispetto a quel legame puro, unico e indissolubile che dovrebbe unire due parabatai.

Coraggio, misteri e amore si mescolano ancora una volta per trasportarci in un mondo dove l’amore più grande è illegale e le fate non sono poi così amichevoli.

La legge è dura ma è pur sempre la legge.

Questo è il motto della comunità Shadowhunters a cui tutti si devono attenere.

Emma e Julian si conoscono da quando erano bambini. Insieme ne hanno passate tante, forse troppe per dei piccoli ragazzini. Ma loro sono speciali, e lo è anche il loro legame.

Hanno scelto di diventare parabatai, un legame indissolubile, il più importante giuramento di questo mondo.

Ma proprio questa unione, li divide. 

Rimasta orfana durante la Guerra Oscura, Emma trova rifugio nei fratelli Blackthorn, che in un certo senso sono sempre stati la sua famiglia. Anche Junian Blackthorn ha perso molto. Il padre gli ha lasciato dei fratellini da accudire e un istituto da tenere in piedi.

Due giovani Shadowhunters alla ricerca di sé stessi che si imbattono in un mistero forse più grande di loro.

Tutto questo li porterà non solo a scoprire intrighi e sotterfugi ma anche una parte di sé stessi.

Sostenendosi l’un l’altra, Emma e Julian riusciranno ad affrontare le peggiori sfide e sconfiggere i peggiori nemici. Perché è esattamente questo che fanno i parabatai, giusto? 

I  parabatai combattono insieme, si guardano le spalle a vicenda e sono uniti da un legame talmente profondo che condividono lo stesso dolore.

Ma il loro non è un semplice legame parabatai, è qualcosa di molto più profondo e molto più grande. 

Un libro da dieci e lode! 

Una storia che ti travolge e non ti lascia più uscire e come sempre lo stile inconfondibile di un’autrice strepitosa!

Aspettiamo con ansia i prossimi volumi per immergerci di nuovo in questo mondo che, in qualche modo, abbiamo fatto nostro!

A prestissimo,

Alessia e Elena