Search here...
TOP
Something More

Blog: come crearne uno e da dove partire

Buongiorno Lettrici!

Oggi mi piacerebbe iniziare una piccola serie di articoli con il quale vi spiego come ho aperto il blog e quali strumenti ho utilizzato.

In particolare come primo articolo della serie parleremo della differenza sostanziale tra due strade da intraprendere per aprire e gestire un blog: un’alternativa più economica ma meno personalizzabile e un’alterativa più costosa ma personalizzabile ai massimi livelli.

Iniziamo?

Come prima cosa specifico che per aprire un blog ci sono due cose fondamentali da avere: un dominio (l’indirizzo vero e proprio del blog – ad esempio unarosaperamica.com) e un hosting (lo spazio dove alloggerà il nostro blog)

Per quanto riguarda il dominio, una volta deciso il nome da dare al nostro sito, la scelta che dovremo fare è se prenderne uno gratuito o uno a pagamento. Io sono partita (ormai cinque anni fa) con un dominio gratuito scelto su WordPress.com (unarosaperamica.wordpress.com).

Parto col parlarvi quindi dell’alternativa più facile ed economica.

Non avevo ancora le idee ben precise su come si costruiva un sito internet e mi sono buttata sull’alternativa più facile e veloce. Se, infatti, vogliamo sfruttare strumenti gratuiti (o relativamente poco costosi) e che facciano gran parte del lavoro senza necessità di grosse conoscenze ci possiamo affidare a piattaforme come WordPress.com o Wix.com.

Questi siti, infatti, ci danno a disposizione tutti gli strumenti che ci servono per iniziare a pubblicare i nostri articoli sul web.

Basterà registrare la nostra mail, i nostri dati, scegliere il tema che più ci piace per dare l’aspetto giusto al nostro sito e metterci a scrivere dei temi che più ci appassionano. L’iscrizione è guidata e molto intuitiva, tutte le opzioni del sito sono facilmente consultabili e ci sono infinite guide sul web che ci spiegano come procedere.

WordPress inoltre mette a disposizione l’app per smartphone e tablet, in questo modo potremo controllare il traffico del sito e pubblicare o aggiornare il blog direttamente dal nostro cellulare.

La mia esperienza con WordPress.com è stata molto positiva, il passaggio a WordPress.org è stata una scelta dovuta al maggior traffico del sito e alla possibilità di personalizzare di più la grafica del blog.

Inoltre anche con WordPress.com potremmo acquistare un dominio a pagamento (circa 18 € l’anno) per far si che il dominio perda l’estensione “wordrpress” dall’indirizzo.

Ad esempio:

  • dominio gratuito: unarosaperamica.wordpress.com
  • dominio a pagamento: unarosaperamica.com

Sempre con WordPress.com potrete verificare che il nome scelto sia libero e utilizzabile e collegarlo al vostro blog.

Ora vi vorrei parlare dell’alternativa più costosa ma più personalizzabile.

Dopo qualche anno su WordPress.com ho scoperto WordPress.org e le tantissime alternative in più che mette a disposizione.

Per lavorare con WordPress.org avremo la necessità di acquistare un hosting (lo spazio web di cui vi accennavo ad inizio articolo) e collegarci il nostro dominio.

Ci sono diversi siti dai quali acquistare un hosting, io mi sono affidata a Siteground, il più quotato sul web.

Devo dire che la mia esperienza con loro è stata ottima. In pochi passi ho acquistato lo spazio web (sul loro sito potrete trovare tutti i piani che propongono) e ho iniziato a personalizzare il mio blog.

Offrono un servizio di assistenza eccellente, dei loro operatori sono sempre stati a mia disposizione nei giorni del “passaggio” e mi hanno tolto tutti i dubbi che avevo sul tema. L’assistenza infatti è disponibile via chat in tempo reale, via mail o anche via telefono. Davvero un servizio completo.

La cosa che più mi piace di quest’alternativa è la possibilità di personalizzare la grafica all’infinito. Con un blog strutturato in questo modo si possono installare migliaia di temi (gratuiti o a pagamento) e adattarli a nostro piacimento. Nel prossimo articolo vi parlerò di dove trovare i migliori temi per WordPress.org e come installarli.

Siteground inoltre aggiorna i nostri siti periodicamente e ci tiene aggiornati su quelle che sono le novità interessanti del settore.

Se avete quindi intenzione di far diventare il vostro blog un angolo di web visitato e in continuo aggiornamento vi suggerisco di investire qualche soldo e buttarvi su quest’opzione a pagamento. Ne ricaverete un sacco di soddisfazioni!

Spero di avervi dato una prima infarinatura sull’argomento e avervi dato delle basi per iniziare il vostro blog, piano piano, con i successivi articoli scopriremo come personalizzarlo e farlo diventare a tutti gli effetti “un nostro spazio”.

Per maggior chiarezza vi lascio qui sotto una sorta di glossario per capire al meglio l’articolo:

Hosting: spazio necessario per pubblicare una o più pagine Internet.

Dominio: indirizzo internet del blog o del sito (es. unarosaperamica.com).

Tema WordPress: insieme di impostazioni grafiche che formano l’aspetto del sito internet.

Una delle domande che più mi avete posto su Instagram è stata: quanto costa aprire un blog?

Risposta: dipende da quanto tempo ci volete dedicare.

Se non siete sicuri di avere molto tempo o se non avete ancora le idee ben chiare su cosa fare del blog e cosa scrivere buttatevi sull’alternativa meno costosa e più facile. Ricordatevi che potrete comunque passare da WordPress.com a WordPress.org in qualsiasi momento (anche se potrebbe richiedere alcuni passaggi macchinosi).

Se invece volete iniziare qualcosa di più strutturato e professionale vi consiglio di iniziare da subito l’alternativa più costosa e più completa. Potrete raggiungere un più ampio pubblico, dare la forma che più vi piace al sito e farlo crescere sempre di più.

Nei prossimi articoli risponderò a tutte le altre vostre domande (la maggior parte di voi mi ha chiesto come ho realizzato la grafica del sito) e vi darò anche indicazioni su quelle che sono le app indispensabili per chi gestisce un blog.

Sperando di non avervi annoiato e di aver sciolto un po’ dei vostri dubbi, vi do appuntamento ai prossimi articoli!

E mi raccomando, segnalatemi i vostri blog o scrivetemi qualsiasi altra domanda che vi passa per la testa. Con la mia modesta esperienza (molto amatoriale e poco professionale) spero di potervi aiutare!

Buon inizio di settimana!

Una Rosa Per Amica

«

»

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *