Rullo di tamburi… ecco la prima recensione per il gruppo di lettura!
È iniziata lo scorso mese l’iniziativa che ci vede tutte impegnate nella lettura dello stesso libro, per poterlo poi commentare insieme!
Per questo mese la scelta era ricaduta sulla regina dei romanzi rosa: Colleen Hoover!
Dopo aver emozionato e appassionato lettori di tutto il mondo con Ugly Love, questa straordinaria scrittrice ha conquistato l’Italia con lo stesso romanzo, tradotto in L’incastro (im)perfetto.

Una sola parola: grandioso!

È il primo romanzo che leggo di quest’autrice (lo so, ora mi tirerete le orecchie perché avrei dovuto scoprirla prima 😜) e non mi ha per niente delusa.

Avevo paura di essermi fatta trascinare dalla scia dei commenti positivi, e rimanere con l’amaro in bocca se non rispettava le mie alte aspettative. 

Volete sapere una cosa? È stato anche meglio.

Colleen Hoover non scrive romanzi, scrive capolavori!

  
Questa la trama del romanzo che abbiamo letto: 

Quando Tate Collins trova il pilota Miles Archer svenuto davanti alla sua porta di casa, non è decisamente amore a prima vista. Non si considerano neanche amici. Ciò che loro hanno, però, è un’innegabile reciproca attrazione.

Lui non cerca l’amore e lei non ha tempo per una relazione, ma la chimica tra loro non può essere ignorata. Una volta messi in chiaro i propri desideri, i due si rendono conto di aver trovato un accordo, almeno finchè Tate rispetterà due semplici regole: mai fare domande sul passato e non aspettarsi un futuro.

Tate cerca di convincersi che va tutto bene, ma presto si rende conto che è più difficile di quanto pensasse. Sarà in grado di dire di no a quel sexy pilota che abita proprio accanto a lei?

La storia inizia con un vero e proprio scontro. Tate si trova in una nuova città, nell’appartamento del fratello, con un vicino ubriaco che le impedisce l’ingresso nella sua nuova casa.

La ragazza si prende cura di lui e del suo alito da alcolista, pregando che la sua nuova vita non sia sempre come il suo primo giorno.

Quello che Tate non sa, è che proprio quel vicino diventerà il suo sogno ricorrente e il suo incubo peggiore.

Dovrà lottare, pazientare e piangere per capire quella mente tormentata e quel cuore chiuso con il lucchetto.

Ma, alla fine, ci riuscirà? O si ritroverà con il cuore spezzato e l’anima a brandelli?

Questo libro è qualcosa di magico, una storia che coinvolge dalle prime battute, ricca di colpi di scena e passaggi drammatici. La dolcezza è sporadica, ma quando c’è non lascia spazio ad altro.

Lo stile è diverso da tutti gli altri romanzi, molto diretto e conciso e proprio per questo più incisivo e spiazzante.

Narrato in prima persona, ma con punti di vista diversi, ti assorbe fino alle ultime pagine come se foste davvero affianco a Tate e Miles.

Amo il modo di scrivere di questa scrittrice, amo i personaggi che ha creato e il modo in cui ha raccontato le loro vite.

L’unica nota negativa? È troppo corto!

Avrei voluto continuasse all’infinito! Quando ho letto la parola fine, non ci potevo credere, ne volevo ancora!

Giuro, ci ho messo un paio di giorni per riprendermi!

Ora tocca a voi!

Ditemi se l’avete letto, che ne pensate e cosa vi è piaciuto del romanzo.

Potete commentare qui, su Instagram o su Facebook.

Aspetto le vostre opinioni e rimanete sintonizzati per scoprire la lettura del mese di NOVEMBRE!

A presto,

Elena