IMG_6076

Buongiorno lettrici!
Oggi vi voglio raccontare di come in tre giorni ho letteralmente divorato tre libri.
Per chi mangia romanzi come fossero patatine non dirò nulla di nuovo, ma vi posso assicurare che questa saga mi ha rubato un pezzettino di cuore!

La trilogia delle gemme con i suoi protagonisti tutto pepe e misteri mi ha tenuta incollata alle pagine fino a tarda notte.
Premesso che il genere fantasy non è il mio preferito, non ero molto convinta di acquistare tre libri da circa 8 euro l’uno. Il prezzo non era di certo incoraggiante, ma spinta dalle recensioni positive che ho letto sul web ho cliccato su “acquista”.
Parliamo un po’ della storia:
Gwenny è una ragazza di 16 anni che vive tutti i giorni con una cugina bellissima e speciale. Il fatto di dover essere paragonata ogni secondo alla splendida Charlotte, però, non la turba. Gwendolyn ama la sua normalità e se la tiene ben stretta. Quando, però, scopre che il dono che la cugina avrebbe dovuto ereditare è invece capitato a lei, tutto cambia e il suo mondo viene stravolto.
La famiglia della nostra protagonista tramanda di generazione in generazione il potere di viaggiare nel tempo e la prescelta per godere di questa fantastica capacità sembra essere proprio la ragazza che tutti consideravano banale ed insignificante.
Dopo un momento di sconcerto, Gwenny cerca di accettare questo dono e scopre che non è tutto rose e fiori. Una terribile profezia incombe sul suo destino e il fatto che ad accompagnarla in questa avventura ci sia un giovane affascinante e insopportabile di certo non aiuta.
Gideon è un altro prescelto che, come Gwendolyn, è in grado di migrare da un’epoca all’altra grazie alla sua linea di sangue.
Tra misteri, fantasmi impiccioni e un’attrazione tra i protagonisti che sembra voler affiorare da un momento all’altro, questa storia vi saprà coinvolgere fino all’ultima pagina.
Per quanto riguarda la narrazione devo dire che amo lo stile scorrevole e irriverente che l’autrice ha usato e adoro le personalità dei protagonisti.
I personaggi secondari sono fondamentali per comprendere e apprezzare la storia e la capacità della scrittrice di inserire dei prologhi e degli epiloghi da brivido rende ancora più interessante l’insieme.
Il fatto che sia narrato in prima persona vi farà sentire parte della storia e vi sembrerà di essere anche voi a fianco a Gwenny in uno dei suoi numerosi viaggi nel 1912.
Vi assicuro che non ve ne pentirete!

Ancora non l’avete comprato? Correte in libreria!

A presto,
Elena